Sistemi di recupero del calore

Introduzione

Testimoniando un’attenzione crescente per il risparmio energetico, vantaggioso da una prospettiva finanziaria e ambientale, Babcock Wanson offre un’ampia gamma di apparecchiature di recupero del calore, dalla modernizzazione di economizzatori di gas di scarico a caldaie indipendenti di recupero del calore a vapore o a fluido riscaldato, oltre a soluzioni su misura per soddisfare le esigenze dei clienti.

Virtualmente tutti i processi industriali richiedono calore e/o generano calore come parte del ciclo industriale. Far dissipare il calore nell’ambiente circostante è dispendioso e spesso regolamentato dalle legislazioni. Il recupero e il riutilizzo di quel calore garantisce un processo più sostenibile e offre sensibili vantaggi economici, oltre a soddisfare tutti i requisiti ambientali. Questo è il motivo per cui sono nati i sistemi di recupero del calore; raccolgono e reindirizzano il calore “disperso”, rimandandolo nel processo originale o utilizzandolo per altri scopi.

Principio di funzionamento

Aria/Fluido – Il gas di scarico ad alta temperatura passa attraverso un dispositivo di recupero del calore, per esempio una caldaia a vapore a tubi di fumo o un riscaldatore di fluido a tubo elicoidale, con il calore recuperato sotto forma di vapore, acqua calda o fluido termico che viene reimmesso nel processo.

Aria/Aria – Uno dei modi più comuni per recuperare l’energia è preriscaldare l’aria fresca per un processo utilizzando i gas di scarico o l’aria di mandata dal processo. Questo può assumere la forma di uno scambiatore aria-aria a valle di un dispositivo primario di recupero del calore, come descritto sopra, o come un modo per recuperare calore a un grado relativamente basso da gas di scarico. In entrambi i casi, il gas di scarico proveniente da un processo industriale viene incanalato in un dispositivo di recupero del calore dove l’energia del calore viene estratta prima che l’aria raffreddata passi nell’atmosfera. Contemporaneamente, dell’aria fresca e pulita viene aspirata dall’altro lato dello scambiatore, accumulando il calore estratto. L’aria preriscaldata può essere reimmessa nel processo, in modo da ridurre la quantità di calore necessaria per quel processo, o utilizzata altrove.

Per permettere il trasferimento di calore, è essenziale chei due flussi d’aria non si mescolino. Esistono diversi metodi per eseguire questa operazione, compresi alcuni sofisticati scambiatori di calore che possono catturare fino al 95% del calore disperso.

Per cosa sono più adatti i sistemi di recupero del calore?

L’elenco è molto esteso poiché, in teoria, qualsiasi processo industriale che produce calore disperso può trarre vantaggio da un sistema di questo tipo. Le comuni fonti di calore disperso che possono essere effettivamente recuperate e riutilizzate includono:

  • Flussi di gas di scarico ad alta temperatura da altiforni, fornaci, forni ed essiccatori
  • Gas di combustione di caldaie
  • Spurgo di caldaie
  • Compressori d’aria
  • Impianti di refrigerazione
  • Effluenti liquidi caldi
  • Impianto di generazione di energia
  • Sistemi di raffreddamento di impianti di processo

Vantaggi dei sistemi di recupero del calore

  • Economicamente convenienti
  • Riduzione del consumo energetico
  • Sostenibili

Visualizzazione di tutti i 5 risultati